lunedì 18 novembre 2013

Seattle, Washington: la città della pioggia




Come promesso nel mio ultimo post, oggi voglio parlarvi di una delle mie città preferite in assoluto: Seattle, nello Stato di Washington. Ho avuto la fortuna di visitare l’Emerald City due volte, la prima nel 2011, alla fine del nostro Oregon Trail, e la seconda quest’estate, prima di lasciare gli USA alla volta del Canada.




Data la sua posizione strategica rispetto all’oceano Pacifico, Seattle è la principale città dello Stato di Washington, nonché dell’intero nord-ovest americano. Storicamente, si stima che quest’area fosse abitata dai nativi americani già 4000 anni fa. Il primo europeo a raggiungerla fu, però, George Vancouver, nel 1792 e l’insediamento iniziò soltanto nel 1851. Da allora la popolazione è cresciuta a ritmi incessanti e la città conta oggi più di 600.000 abitanti. Nella seconda metà del secolo scorso, la sua importanza a livello mondiale è aumentata ulteriormente: Seattle è stata, infatti, la sede della Boeing, i cui impianti produttivi rimangono tuttora nella sua area metropolitana, della Microsoft e di Amazon. Gli amanti del caffè come me la conosceranno come il luogo in cui negli anni ’70 ha aperto il primo Starbucks, mentre gli appassionati di musica la ricorderanno come la città natale di Jimi Hendrix e di numerosi gruppi di fama internazionale. Già da questa brevissima introduzione, si può capire quanto Seattle, così dinamica e vivace, abbia da offrire ai visitatori.


Cos’ho visto.

Ricordo che la prima volta che sono stata a Seattle sono stata a cena in un ottimo ristorante italiano sulla 4th Avenue (Assaggio). Il proprietario, originario delle Marche, ci ha detto che quello era il primo giorno di sole dopo ben 76 giorni di pioggia. La fortuna era ovviamente dalla nostra parte e abbiamo potuto ammirare la città in tutto il suo splendore. Quando quest’estate vi sono tornata, ho invece avuto l’onore di scoprire com’è effettivamente vivere nella Rain City, dato che una pioggerellina sottile ma insistente ha accompagnato ogni nostro spostamento.

SPACE NEEDLE





Credo che la visita di chiunque si trovi per la prima volta a Seattle debba iniziare dallo Space Needle. Non solo perché ne è ormai diventato il simbolo, ma anche - e soprattutto - perché dai suoi 160 metri d’altezza permette di ammirare a 360° l’intero skyline della città. I 20 dollari di biglietto e le lunghe code che spesso bisogna affrontare per prendere uno degli ascensori che portano fino alla sommità della torre sono pienamente ricompensati della vista mozzafiato di cui si può godere una volta arrivati. Nei giorni di sole, si può vedere anche il Mount Rainier, situato ad 87 km di distanza.


PIONEER SQUARE

La Pioneer Square è da sempre il cuore della città. Nel XIX secolo fu la sede del primo insediamento europeo nella zona, che da qui si estese progressivamente fino a raggiungere le dimensioni attuali. Oggigiorno ospita numerose gallerie d’arte, ristoranti e negozi ed è considerato il centro della vita notturna cittadina.

PIKE PLACE MARKET




Aperto nel 1907, il Pike Place Public Market è uno dei luoghi più caratteristici della città. Sui suoi numerosissimi banchi si può trovare veramente di tutto, dai fiori, al pesce, ai prodotti locali, ai souvenir. È in assoluto uno dei posti che preferisco a Seattle e non mi stancherei mai di passeggiare tra le tante bancarelle, magari bevendo un ottimo frappuccino di Starbucks. È proprio tra i negozi del Pike Place Market, infatti, che nel 1971 ha aperto il primo Starbucks!

EMP MUSEUM 
(MUSIC, SCIFI AND POP CULTURE MUSEUM)





Situato a poche centinaia di metri dallo Space Needle, l’EMP Museum è il luogo ideale per gli amanti della cultura pop e della musica. Ospita spesso mostre itineranti molto interessanti: nel 2011 ho visitato una sezione dedicata al film Avatar, in cui erano esposti oggetti di scena e costumi e si poteva perfino provare a interpretare una parte del film.

ELLIOTT BAY




La baia di Seattle è uno dei luoghi più vivaci e pittoreschi della città, con i suoi numerosissimi negozi di souvenir e ottimi ristoranti di pesce. Da poco hanno anche aggiunto una ruota panoramica sul molo 57, che offre senza dubbio una splendida vista sul mare e sulla costa.
Se, come è successo a me quest’anno, state arrivando a Seattle da sud, vi consiglio di cuore di provare a prendere il traghetto (da Bremerton o da uno dei tanti terminal situati lungo la costa). Il panorama e lo skyline che si possono ammirare dal mare sono veramente incredibili e indimenticabili (per non parlare del fatto che le strade che portano in città sono costantemente trafficate e si rischia sempre di rimanere bloccati in coda per un lungo tempo!).


Quando ci sono stata: agosto 2011 (3 giorni), agosto 2013 (2 giorni)

Dove ho alloggiato: Seattle Marriott Waterfront (splendido!)

9 commenti:

  1. Bellissimo post! Da super fangirl di Grey's Anatomy voglio assolutamente visitare questa città prima o poi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco cos'ho dimenticato di aggiungere alla lista, Grey's Anatomy! Seattle è importante per un sacco di cose, insomma :) Grazie mille!

      Elimina
  2. Che bello *.* come mi piacerebbe andarci!!! Il busto di avatar è semplicemente fantastico ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite, sempre gentilissima! :) sì, l'esposizione su Avatar era davvero interessante, mi spiace non aver fatto molte foto!

      Elimina
  3. Che foto stupende! Non so da dove cominciare *_*
    Lo Space Needle mi è ormai familiare, non perché lo abbia mai visto (purtroppo) ma perchè mi sembra sia presente in ogni inquadratura panoramica nel telefilm Grey's Anatomy XD
    Non so se mi piacerebbe vivere nella città della pioggia, fenomeno atmosferico che detesto, però questi posti tolgono il fiato.
    Trovo molto belle anche le foto di Elliott Bay, mi sembra un posto molto romantico *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie infinite!
      Beh, io adoro la pioggia, quindi per me non sarebbe poi un gran problema. Ovviamente quando devi visitare una città, l'acqua non aiuta, ma diciamo che nel caso di Seattle crea l'atmosfera giusta. Un po' come a Londra, la pioggia fa quasi parte del paesaggio :D

      Elimina
  4. gli Stati Uniti sono una delle mete dei miei sogni ma ancora non sono riuscita ad andarci e ogni volta che leggo qualcosa mi viene sempre più voglia di partire... anche se non saprei quale città visitare per prima!
    beata te che ne hai vista una così bella fetta, sei già a un buon punto!
    ps : test fatto ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli Stati Uniti te li consiglio tantissimo, c'è così tanto da vedere e da fare che è impossibile annoiarsi o non innamorarsi! A me ormai mancano solo una mezza dozzina di stati, ne ho visitati circa 45 e ognuno ha qualcosa di assolutamente unico e meraviglioso da offrire! :)
      Corro a leggere le tue risposte ;)

      Elimina
  5. ho sempre desiderato moltissimo vedere seattle,anche perchè da sempre innamorata del film sleepless in seattle .
    Purtroppo non ho mai visitato la città, ma una tazza proveniente da questa città è il mio must per la colazione....sapendo che amo troppo il caffèlatte il mio ragazzo in visita a seattle è stato al bar originale di starbucks e mi ha portato una bellissima tazza, con il primo logo ...ci tengo però a precisare che non sono starbucks addicted!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...