giovedì 30 gennaio 2014

Death Valley National Park, California (USA)

Buona sera a tutti, miei amati lettori! Dopo ben dieci giorni è giunto il momento di aggiornare il mio amato blog, giusto perché non pensiate che l’abbia abbandonato. Come potete vedere, sono sopravvissuta al temutissimo esame di economia politica e ora sono più in forma che mai. Nel giro di un mese dovrò affrontare diritto pubblico e sociologia dei diritti umani, ma cosa volete che siano paragonati al PIL e al calcolo del moltiplicatore del reddito?


Oggi sono qui per parlarvi della Death Valley, che ho visitato nell’agosto del 2009, durante un viaggio on the road in California – che poi, detto tra noi, parlare della Valle della Morte nel bel mezzo di una sessione di esami mi sembra piuttosto azzeccato, o sbaglio? Iniziamo dicendo che, per me, visitarla è stata un’esperienza piuttosto traumatica. Il caldo era veramente atroce e quando siamo arrivati a 52°C non ho potuto far altro che chiudermi in macchina e benedire l’inventore dell’aria condizionata. Tuttavia, il paesaggio era a dir poco spettacolare e ne è valsa totalmente la pena.


Come molti di voi sapranno, la Death Valley è una depressione situata tra California e Nevada ed è famosa per essere il punto più basso del Nord America: il Badwater basin si trova infatti a 85.5 metri sotto il livello del mare. Trattandosi di una zona desertica, la temperatura media giornaliera è di oltre 40° nei mesi estivi, mentre in inverno scende attorno ai 25°.
Quesito del momento: su diversi siti internet ho letto che in estate non è possibile visitare la Death Valley durante le ore diurne, a causa delle temperature troppo elevate. Ora, la domanda è: cosa ci facevo io, lì, il 4 agosto 2009, in pieno giorno? Immagino che questo faccia di me una grande avventuriera! (Scherzo, non eravamo gli unici pazzi!)

Ad ogni modo, eccovi qui gli scatti di quest’esperienza bollente.












Ecco la prova che c'erano davvero 52°C! (125°F)

A presto!

12 commenti:

  1. Caspita che caldo! Però la California e la Death Valley sono sulla mia lista comunque :)
    In bocca al lupo per i prossimi esami, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La California è assolutamente un must-see, offre una varietà di paesaggi a dir poco incredibile! :) Crepi il lupo, grazie mille!

      Elimina
  2. che posto da favola! ps posso capirti! ho fatto lo scritto di tedesco e ora mi aspettano l'orale e filologia romanza! che stressss.. meno male che c'è il blog per distrarci un po dai libri e da questa noiosissima routine di solo studio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, per fortuna esiste blogspot! Buona fortuna per i tuoi esami, siamo tutte sulla stessa barca! :)

      Elimina
  3. Che bello *.* quanto vorrei aver visto anche un SOLO posto in cui sei stata :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Li vedrai, li vedrai, non preoccuparti! :D

      Elimina
  4. Questo è uno di quei viaggi che ho in programma da qualche anno...Appena riuscirò ad avere qualche giorno di ferie in più a disposizione sarà la mia meta...
    Credo che l'esame di economia politica sia uno dei peggiori...E' stato un bell'incubo anche per me...L'importante è averlo superato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita assolutamente, ci sono così tanti posti meravigliosi in California! San Diego, Los Angeles, San Francisco, i paesini lungo la costa, la Death Valley, il Sequoia National Park... potrei andare avanti per ore! Spero che tu possa farci un salto al più presto :)

      Elimina
  5. che meraviglia! mi attrae troppo la California!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è assolutamente spettacolare! :)

      Elimina
  6. Sembrano quelle foto "antiche" in cui per il caldo non si vede l'orizzonte :D molto belle!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...