mercoledì 4 novembre 2015

Ottobre in 5 minuti (e 13 scatti)

Buonasera ciurma! 
Come ve la state passando in questi primi giorni di novembre? 
Oggi, sfidando ogni sorta di avversità, ho deciso di ritagliarmi cinque minutini per raccontarvi del mese appena trascorso. In realtà, non è stato poi un gran mese, anzi: non è successo proprio niente di significativo. Però a quanto pare anche i miei post più insignificanti vengono apprezzati, quindi perché privarvi dell'occasione di perdere preziosi istanti della vostra giornata per leggere le mie menate? :") 


♠ Ho ricominciato a studiare. Piano piano, senza alcun entusiasmo e mentre la mia già magra voglia di esistere mi mandava nuovamente a quel paese, ma ho ricominciato a studiare. Continuo a ripetermi che manca ancora tanto tempo a gennaio e alla sessione invernale, ma poi una vocina nella testa mi ricorda che tra un mese e venti giorni è Natale e mi sale subito l'ansia. Ho finito di leggere un manuale di storia spagnola e l'unica cosa che mi è rimasta impressa è che nell'800, siccome l'erede al trono aveva 13 anni, anziché affidare il regno alla madre, le Corti hanno semplicemente deciso di dichiarare maggiorenne la principessa. Così, del tipo "ma quali 13 anni! Pft! Da oggi ne hai 20!" - tutto questo mentre io sono ancora qui a disperarmi per il fatto che a 21 anni la gente mi scambia per una 13enne. 

♠ La settimana scorsa sono stata dall'oculista, dato che da mesi ho sempre un forte bruciore agli occhi e faccio fatica a mettere a fuoco qualsiasi cosa. Speravo si trattasse di un problema di lenti, invece è saltato fuori che ho un disturbo con un nome complicato che continuo a dimenticare. Mi ha prescritto delle gocce e raccomandato di limitare le ore passate al computer. Perciò, amici, se non mi sentite per un po', sapete qual è il motivo. 

♠ Nei momenti in cui gli occhi mi hanno dato pace, ho finito di guardare Itazura na kiss (popolare jdrama con Yuki Furukawa - sempre sia benedetto ♥). Mi sono ripromessa di non annoiarvi parlando di quanto mi sia piaciuto e di quanto abbia pianto e di quanto abbia abbracciato il mio gatto facendo finta che fosse Naoki Irie, quindi passiamo subito oltre, prima che cada in tentazione.  

♠ Mi sono anche ripromessa di non annoiarvi parlando del fatto che finalmente è iniziato il Grand Prix di pattinaggio e che in tutte le galassie conosciute e sconosciute non troverete persona più felice ed esaltata di me. Però una cosa ve la racconto: sabato si disputava la tappa canadese in Alberta. Ho già dimenticato il fuso orario esatto, fatto sta che la gara maschile (la mia preferita, anche perché in pista c'era il mio signore e salvatore Yuzuru Hanyu) iniziava all'1.30 del mattino ora italiana. La sera prima io, stanca e dolorante, avevo deciso di fare la persona responsabile, andare a letto alle 10 e, semplicemente, guardare la registrazione il giorno dopo. Non so neanche perché l'ho creduto possibile. Senza nemmeno farlo apposta, ho aperto gli occhi esattamente all'1.28 e mi sono bastati cinque secondi per mandare al diavolo la logica, buttarmi addosso la copertina e sgattaiolare in salotto per vedere la gara in diretta. E lasciate che ve lo dica, ne è valsa la pena, nonostante il giorno dopo sembrassi uno zombie. 

♠ Ma li avete visti i mondiali di ginnastica artistica? Per par condicio, mi sento in dovere di inchinarmi anche davanti a Kohei Uchimura, che è arrivato a vincere la 19esima medaglia mondiale e si è riconfermato campione del mondo assoluto per il sesto anno di fila, facendola peraltro sembrare la cosa più facile della storia. Questi giapponesi, mah... più che venerarli cosa si può fare? :') 

♠ A ottobre ho anche battuto ogni mio record e ho camminato 90 chilometri (88.9 per l'esattezza, ma facciamo 90 che suona meglio) - HA, Uchimura a chi, eh?! Uscire questo mese è stato davvero piacevole, soprattutto perché in questa stagione ogni giorno nel paesaggio cambia qualcosa e gli alberi sono uno più bello dell'altro. Non per niente ho scattato diecimila foto. 

♠ Per compensare la mia buona volontà e atleticità (lol?), ho anche dormito un sacco. Continuo a ripetermi che sia colpa del problema agli occhi e, soprattutto, del traumatico cambio dell'ora della settimana scorsa (ammettetelo che anche voi avete ancora il fuso orario da smaltire, su), ma ogni tanto non posso far altro che vergognarmi di me stessa: mi basta toccare un cuscino e dormo subito come un angioletto! 

♠ Ho fatto acquisti pazzi (tipo una maglia pelosona con un orso), vagabondato per negozi che non avevano mai quello che cercavo e sfoggiato i miei bellissimi maglioncini con stampe assurde di gattini e cavalli. 

♠ Ho bevuto troppo tè e molti cappuccini. 

♠ Ho preso la cattivissima abitudine di passare una buona ora, la sera, in bagno, a godermi il calduccio della stufetta e il profumo delle candele della Yankee, sfogliando l'acquisto migliore del mese: La gioia di scrivere di Wislawa Szimborska. 

♠ In generale, quindi, mi sono goduta l'autunno, ho cercato di non farmi prendere dallo sconforto per i soliti mille problemi e di trovare la serenità di cui ho bisogno nelle piccole cose di ogni giorno, nel pattinaggio, nelle lunghe conversazioni con gli amici, nelle camminate all'aria aperta. E nel cioccolato, che non guasta mai ;) 

Vi lascio con alcune delle foto che ho condiviso a ottobre su instagram, nonostante scaricarle sul pc ne abbia letteralmente ucciso la qualità. Il mio gatto però resta sempre bellissimo, su questo possiamo essere tutti d'accordo :)













Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...